Il Sindacato professionale degli Assistenti Sociali

                                 Cell. 3454661267 - Tel.0642000358 - 0642010899   sunas.nazionale@gmail.com   sunas@pec.it   f

Pin It

PROGETTO SPERIMENTALE DI MODELLO ORGANIZZATIVO PER L’INTEGRAZIONE DELL’ASSISTENTE SOCIALE NEL TEAM AFT- UCCP NELLA REGIONE MARCHE ROMA 8.9.2017

 

 

Nella sede del Sindacato Unitario Nazionale Assistenti Sociali a Roma, si è riunito oggi il Coordinamento nazionale che sta seguendo l’avvio del progetto sperimentale di modello organizzativo per l’integrazione dell’assistente sociale nel Team AFT- UCCP nella regione Marche. Presenti Salvatore Poidomani, Segretario Generale SUNAS, Domenico Pellitta, Vicesegretario Generale SUNAS, Gianmario Gazzi, Presidente del Consiglio Nazionale dell’ Ordine Assistenti Sociali, Carla Moretti, Docente presso il Centro di Ricerca Integrazione Socio-Sanitaria dell’ Università Politecnica delle Marche, Massimo Magi, Segretario Regionale Federazione Medici di Medicina Generale, Marzia Lorenzetti, Presidente Ordine Regionale Assistenti Sociali delle Marche e Giacomo Furlani, Presidente della Commissione Politiche Sociali Ordine Assistenti Sociali Marche. Sono state riprese e delineate le fasi attuative e i tempi di realizzazione di un progetto innovativo che verrà realizzato a partire dai primi mesi del 2018 e che vuole rafforzare i processi di cura, promuovendo l’integrazione ed il coordinamento degli interventi di natura sanitaria con quelli sociali, implementando una presa in carico integrata del paziente fragile e cronico. “L’incontro di ieri sul Progetto sperimentale nelle Marche è stato concreto e produttivo, un’ulteriore dimostrazione del fatto che attraverso percorsi condivisi si possono perseguire obiettivi comuni e realizzare progetti importanti, finalizzati alla promozione e alla crescita della professione. Il SUNAS, a partire dall'accordo sottoscritto con la FIMMG nel 2013, continuerà a dare il proprio fattivo contributo per l'attuazione di questo innovativo progetto, sul quale si deciso di investire, grazie anche al significativo apporto del CNOAS e del CROAS Marche, sia in termini di idee sia mettendo a disposizione adeguate risorse economiche.”